November-December 2014 … The Global Online Magazine of Arts, Information & Entertainment … Volume 10, Number 6
Random header image... Refresh for more!

Mario Moroni

Diari

(Translated by Emanuel Di Pasquale)

I
Prima  notte, seconda notte. Qui le cose hanno sempre meno bisogno della nostra presenza.

Sotto questo tetto, dentro i nostri occhi, oltre i visi ncontratti. Ognuno tiene per sé parti del ricordo.

Solo qualche volta, in qualche stanza, appaiono le cose senza di noi. Grazie alla nostra assenza.

Pare che abbiamo gli occhi chiusi, invece muoviamo lo sguardo e sembriamo lenti in quest’ azione.

L’animale attraversa il prato. Lo si vede correre, come se inseguisse qualcosa. Oppure è solo il nostro inseguire qualcosa.

Come quando erano partiti, senza chiedere indirizzi, credendo di poter vivere con le sole tracce.

Ognuno ora pensa al tono di voce, disperso tra le cose, tra le domande che sono più difficili da fare.

Perché adesso si è come chiusi, seduti alla fine di una frase, insieme ad altri suoni, non uditi.

Journals

I
First  night, second night. Here things need our presence
less and less.

Under this roof, inside our eyes, beyond the contracted faces.
Each holds on to parts of the memory.

Only sometimes, in some room, things appear without
us. Thanks to our absence.

It seems that we have our eyes closed; instead, we shift our look and seem slow doing so.

The beast crosses the field.  One sees it run, as if it were
following something. Perhaps it’s only our following something.

As when they departed, without asking for addresses, believing they could live with traces only.

Each now thinks of the tone of the voice, dispersed among the things, among the questions that are the most difficult to ask.

Because now it is like being closed, sitting at the end of a phrase, together with other sounds, unheard.

Alziamo le braccia, vogliamo qualcosa da fare, ce lo chiediamo a tratti, pronti a credere di averlo trovato.

Gli altri sono già partiti, passati. Hanno superato il confine dove è difficile  crederli  veri.

Ci sono molte ombre qui. Alcune fanno parte del luogo, altre appartengono a noi.

Rumori dalle scale. Allora si pensa agli altri, al loro salire e scendere, a cosa facciano e dove vadano.

Quando apriamo la porta è come se non fossimo mai usciti di qui. O meglio, l’ultima  volta non eravamo le stesse persone.

Cambiare i vestiti, il volto, le parole. Con brevi pause, brevi silenzi, ora siamo quelli che altri  vedranno.

We raise our arms, wanting something to do, suddenly asking
ourselves, ready to believe we’ve found it.

The others have already departed, passed by. They’ve gone beyond the border where it’s difficult to believe they’re real.

Here are many shadows. Some are part of the place, others belong to us.

Noises from the stairs. One thinks of the others then, of their going up and down, of what they might do and where they might go.

When we open the door, it’s as if we had never left
here.  Or better, the last time we were not the same people.

To change clothes, words, face. With brief pauses, brief
silences, now we are those that others will  see.

_________________

II

E’ meglio non sapere, a volte. Lasciare le cose circolare, lasciare che ci passino accanto e solo dopo pensarle.

Per esempio, ora non sappiamo molto di più di questa stagione. Solo il fatto che muta, imprevedibile, vicino ai laghi.

Siamo estranei alla stagione, noi. Siamo fuori e solo possiamo assorbire il suo comportamento, diverso.

Né vorremmo capirne di più. E’ come avere una certa distanza che ci fa ragionare di essa.

Crea argomenti, discorsi sul clima che comunque non li richiede. Siamo noi che entriamo nella discussione.

II

It’s  best not to know at times. To let things flow, to let them
pass nearby and to think of them only later.

For example, right now we don’t know much about this season.
Only the fact that it changes, unpredictable, near the lakes.

We’re strangers to the season. We’re outside and can only
absorb its different behavior.

Nor would we like to know more about it.  It’s like having a certain distance that makes us think about it.

It creates arguments, discussions on the climate which doesn’t ask for them. It’s we who enter the discussion.

_________________

III   (Sull’idea  di attendere)

In posizione d’attesa si estendono i pensieri, vanno a creare forme del dire che poi si perdono.

In attesa che qualcosa cominci si guarda all’esterno. E’ il momento in cui un animale appare.

Nei momenti d’attesa, senza vento, ci si rifiuta di credere che altri siano già passati da qui.

Emergono ombre, nell’attendere. Come quelle che ieri sera ci circondavano, sicure di se stesse.

Si cambiano i numeri dei nostri conti, seduti in attesa. La vita li richiede, a volte molto tardi, la sera.

III  (On the idea of waiting)

In  the waiting  attitude, thoughts reach out, create ways
of saying things that then are lost.

Waiting for something to begin one looks out. That’s the
moment in which an animal appears.

In the moments of waiting, windless, one refuses to believe that others have already gone by here.

In the waiting, shadows emerge. Like those that surrounded us
last night, certain of themselves.

As we sit and wait, the numbers of our accounts change.
Life summons them, at times quite late, at night.

______________________

IV   (Dei futuri)

Si potrà dire qui eravamo noi, nella foto, sulla mappa o luogo. Si dirà qui siamo stati, ieri.

Senza un senso non sarà possibile fare prove per riuscire a dire. Per lasciare tracce sull’albero.

Non sarà possibile descrivere questo prato se qualcosa non sarà accaduto, a produrne il ricordo.

La finestra sarà chiusa, qualcosa di simile al congedo di chi parte. Sarà un’altra presenza a dettare il tempo.

La porta sarà chiusa. Non si aspetterà più la chiave per entrare. Sarà già dopo.

Questa è la strada da cui saremo passati, quando lasciata questa zona saremo noi a raccontare d’esserci  stati.

IV (On futures)

We’ll be able to say we were here, in the photo, on the map, or in the place.  We’ll say, here we were, yesterday.

Without a meaning it will not be possible to speak. To leave traces on the tree.

It will not be possible to describe this field unless something has happened, to create a memory of it.

The window will be closed, like the gesture of departure. Another presence will  dictate time.

The door will be closed. The key will no longer be needed. It will already be already.

This is the road. After leaving this
zone we’ll tell the story of our having been here.

Mario Moroni was born in Italy in 1955. He moved to the United States in 1989. He has taught at Yale University, the University of Memphis and Colby College. He currently teaches Italian at  Binghamton University.  Moroni has published seven volumes of poetry and one of poetic prose. In 1989 he was awarded the Lorenzo Montano prize for poetry.

Emanuel  di Pasquale. translator, is recipient of the Bordighera Poetry Prize, and the Raiziss/dePalchi Fellowship from The Academy of American Poets.

1 comment

1 Joseph Lindsley { 01.06.10 at 10:55 pm }

Repeat sessions are essential to forestall silence and extend existence